I libri pubblicati: I racconti di don Brunetto

Sommario:

Il roveto ardente
L’alfabeto sulle dita
Il raggio della morte e della vita
Il fiore del buio
Don Brunetto ed i ricci migranti
Don Brunetto e la predica sbagliata

Inizio libro

IL ROVETO ARDENTE (racconto)

1
In una masseria della Sicilia Orientale.
Giugno 1985

Le cicale sembravano assordate dal loro stesso stridore, non si sentiva altro per la via. Anche se erano le sei del pomeriggio ed il sole era già basso, il caldo insopportabile e la mancanza assoluta di brezza, che sarebbe iniziata da lì a qualche ora, rendevano l’incedere delle due persone lento e faticoso. In più i pesi degli attrezzi, sia quelli indosso sia quelli riposti nelle carriole sbilenche, accompagnavano con il loro tintinnio, il concerto naturale delle Cicadidi.
Quando superarono la svolta e furono in vista del casolare, un sorriso si aprì sui loro volti sudati e sporchi di terra e pagliuzze. Man mano che si avvicinavano alla corte, la voglia di correre si faceva sempre più forte, ma la stanchezza dentro le loro membra era più forte di quella di correre, e pertanto la risultanza tra accelerazione e gravità dava come risultato una costanza di moto.
Quando furono entrati nel cortile, i loro sguardi, con il passare del tempo, passarono dalla felicità alla preoccupazione, il silenzio nella casa era totale, l’unico rumore era quello delle cicale, dentro casa non sembrava ci fossero attività umane in corso. La donna ad un certo punto ebbe un sussultò di paura, lasciò la carriola, fece segno al figlio di stare fermo e zitto, e si avvicinò alla porta. Questa era socchiusa, la donna la aprì piano, poi entrò, stette dentro quel poco necessario per accertarsi che non ci fosse nessuno ed uscì con una faccia che esprimeva il terrore più puro.
Confermò al figlio di stare zitto e fermo, il ragazzo non aveva ancora realizzato a cosa fosse dovuto il terrore della madre, troppe cose non sapeva, troppe cose non conosceva del modo di vivere in quel luogo dimenticato di Sicilia, e accomodante si sedette per terra: la stanchezza lo sopraffece, al disopra di tutto e di tutti.
La donna intanto aveva iniziato una ricognizione dell’esterno della casa, svoltò l’angolo, e non fu più in vista del figlio. Continuò il suo giro circospetto, guardandosi attorno, attenta ad ogni rumore che potesse percepire, ma a parte le cicale non c’erano rumori di sorta.
Passò qualche minuto, il ragazzo non vedeva l’ora di andarsi a fare una doccia per poi mettersi a giocare al Commodore 64 del fratello, prima che questi ritornasse dal lavoro, quando sentì un grido, inumano, assordante, disperato, quasi che qualcuno stesse sgozzando qualcun altro: si ricordò della madre, e iniziò a correre, il cuore batteva a 220 battiti, un groppo in gola gli era salito dal ventre, e sentì, sentì la paura, la paura ancestrale degli uomini e delle donne di Sicilia quando veniva la pelle d’oca, e dei brividi incontrollabili ti prendevano a scorrere per tutto il corpo. Vide la madre prima che con gli occhi, la vide con il corpo, un brivido più forte degli altri si era scatenato quando aveva intravisto la figura della madre china per terra e scossa da sussulti e singhiozzi. Continuò a correre, oramai volava, non si rendeva conto che la sua era una corsa sbilenca, strascicata, accompagnata da sbandamenti e dai brividi descritti sopra, la pelle accapponatasi al momento del grido, non si era ancora ridistesa, creava una sorta di rigidità delle membra, e la corsa era solo una idea della mente. Quando fu quasi addosso alla madre, si accorse del corpo del fratello, accasciato, con una macchia di sangue che si era sparsa nel terreno siccitoso, il sangue era subito andato in profondità, non si era sparso in superficie, troppa sete aveva quella terra per potersi permettere il lusso di sprecare liquidi, anche se non erano liquidi che calmavano l’arsura. Quando realizzò che al fratello avevano sparato alla testa e mancava un pezzo di questa che era saltato con una parte del cervello, gli venne da vomitare, e quello fece, non poteva fare altro, vomitò l’anima, e i brividi si succedevano uno dietro l’altro dandogli l’impressione di volerlo stritolare e gettare a terra. La donna singhiozzava, si vedeva solo il suo corpo sussultare leggermente ad un ritmo dettato dal ritmo del cuore che pompava sangue nelle arterie, e dal ritmo del respiro che era diventato sincrono alle lacrime ed alle lamentazioni. Il ragazzo non ce la fece a sostenere quella vista, a vedere quello strazio di madre di fronte alla morte drammatica del proprio figlio grande, partorito dalle sue viscere, e padrone dei suoi affetti e delle sue preoccupazioni. Lo sguardo del ragazzo, pudico, si spostò, cercava immagini più rassicuranti, paesaggi più tranquilli che una scena di morte da ammazzamento, e nel vagare vide quello che non avrebbe mai voluto vedere. Fu un film girato e visto al rallentatore che si sarebbe ripetuto infinite volte, in futuro,nella sua mente: una sagoma appesa al muro, la meridiana che segnava ancora l’ora con l’ombra allungata del ferro inclinato che usciva dal muro, i due supporti della campanella che era andata distrutta durante una tormenta di vento qualche anno prima, e uno dei supporti a reggere il corpo di suo padre.
Una corda stretta al supporto, l’altro capo stretto al collo del padre, con la lingua di fuori, il capo reclinato, la testa di colore scuro, mani e piedi legati da un altro pezzo di corda, e la scala. La scala che usavano nel fienile, che tante volte aveva visto le sue arrampicate disordinate, che il padre aveva tante volte riparato, rinforzato, con chiodi, con viti, con uncini a forma di cavallo preparati alla bisogna.
Le cicale continuavano nel loro coro unanime, ma in quel luogo non le sentiva più nessuno, nessuno aveva più tempo ed attenzione per loro.

2
Trent’anni dopo
In una parrocchia della periferia di Roma
La serata era fresca, Dog camminava fermandosi ogni tanto a mangiare qualche foglia per purgarsi, e don Brunetto, in quella sera di ottobre, era in ritardo. Doveva tornare al più presto in Parrocchia per la serata penitenziale, e lui era uno dei sacerdoti incaricati alle confessioni. Comunque non voleva rinunciare a quell’appuntamento serale con il cane, anche se stasera avrebbe fatto il giro corto per guadagnare tempo. Arrivato davanti al centro sportivo, mentre le auto sfrecciavano sulla strada a scorrimento veloce con le luci anabbaglianti accese, intravide di lontano, un cespuglio con tutte lucette illuminate: erano strane quelle luminarie, non c’erano feste, quello era un prato dall’altra parte della strada, utilizzato dai padroni di cani per far scorrazzare i propri beniamini. In quel momento non c’era nessuno sul prato e quelle lucette erano proprie strane. Ad un tratto sembrò tutto muoversi come se il vento avesse messo in moto le lucette tanto da farle sembrare fiammelle, ecco cos’era: un roveto, un roveto ardente. Ricordandosi del brano della Bibbia, gli sembrò di rendersi blasfemo per quel pensiero, certo un miracolo quella sera sarebbe stato proprio inopportuno, visto che doveva rientrare per confessare, però con tutte le Madonne che lacrimavano sangue o grondavano sudore, e le trasmissioni televisive che erano piene di servizi giornalistici su questi presunti miracoli, il successo dell’audience era garantito da milioni di persone che seguivano accanite tali avvenimenti.
L’andata del giro breve era terminata, e doveva assolutamente tornare indietro, anche se la curiosità di andare a vedere era proprio forte. Si ripromise di tornare la sera successiva e controllare se le lucette c’erano ancora, e così ritornò in Parrocchia per la lunga serata di confessioni.
Quando arrivò in Chiesa il rito penitenziale era iniziato da poco, salutò il Parroco ed i vari fedeli che erano in preghiera sui banchi, ed entrò in confessionale. Erano circa le nove, e le confessioni ed il rito si sarebbero protratti sino alle undici di sera, dopodiché un breve spuntino e finalmente il sonno ristoratore sino alle sei di mattina. Iniziò le confessioni, ed il suo pensiero ogni tanto andava alle lucette, al roveto ardente di Roma, prato abbandonato in fregio alla strada a scorrimento veloce, un miracolo nell’Anno Domini 2015 che andava ancora dimostrato, pregò tra sé e sé che ci fosse una spiegazione banale, perché avere a che fare con quelli del Vaticano e della Curia per baggianate del genere, gli faceva già tremare i polsi.
Dopo un poco di gente che aveva lavato la sua anima alla fonte della confessione, entrò una persona che non aveva mai visto prima in chiesa, una voce baritonale, un accento decisamente siculo, parole sussurrate piuttosto che pronunciate, come se si vergognasse. Le prime parole se le era perse per colpa del suo soprappensiero delle lucette, per questo pregò l’uomo di ripetere perché non aveva capito, e l’uomo, prima di ridire le parole anzidette, stette in silenzio per qualche secondo.
-”Padre perdonatemi perché ho peccato, ho ucciso un uomo”
Alle parole dell’uomo don Brunetto rimase di pietra, la voce roca, le parole sussurrate, tutto sembrava congiurare affinché non capisse, non comprendesse la portata di quelle parole, ma purtroppo non si era sbagliato.
-”Come è successo?”
Alla sua replica, ed alla richiesta di spiegazioni, l’uomo rimase in silenzio.
Dopo un po’, dopo aver riflettuto, l’uomo rispose con una domanda “Lei padre quando confessa, in che giorni?”
Don Brunetto, contento che l’uomo avesse cambiato discorso, rispose volentieri:
-”Confesso tutti i sabati dalla 4 del pomeriggio all’inizio della messa delle 18:30 e la domenica dalle 8 alle 10:30, perché?”
L’uomo non rispose, si alzò, e come era venuto, andò via in silenzio.
Don Brunetto rimase qualche minuto a pensare, poi un altro parrocchiano che iniziò la confessione lo distolse dai suoi foschi pensieri.  …


Sinossi:

Un prete cattolico come tanti altri, che ha la capacità di rendere banali cose straordinarie, ed eccezionali quelle ordinarie. Quattro racconti e due novelle su situazioni “difficili” di persone comuni, tra Roma e il Piemonte con le sue valli Antrona e Formazza, tra la chiesa di periferia , e i due istituti per ciechi di Roma, tra gli impianti idroelettrici e le dighe, e i cunicoli sotterranei scavati nella roccia. Una diversità di situazioni, ma un’unica natura umana, che sbaglia e cade quando ragiona in termini solo personali, ma ritrova il suo equilibrio e la sua forza quando riconosce anche “l’altro” come persona. L’incontro con il prete, serve a chiarire la natura della ribellione al proprio vissuto, e l’errore di valutazione commesso alla luce della propria solitudine. Dal confronto e dal colloquio parte la ricostruzione dei rapporti, (interpersonali, affettivi, emozionali), e quindi il ripristino della identità di ciascuno dei protagonisti.

Per l’acquisto del libro stampato su Amazon Libri ( è disponibile anche l’ebook)

I racconti di don Brunetto